• Mirko Rizzi

Quattro angoli

OBIETTIVI: gestione dell'emotività sotto stress, percezione dello spazio e dei compagni Età: da 6 anni in sù Questo gioco può essere usato come esercizio di riscaldamento oppure come momento gioco alla fine dell'incontro. Le regole sono molto semplici ma ha molti aspetti interessanti e, per la mia esperienza, piace molto ai partecipanti. Si individuano i uno spazio abbastanza grande quattro angoli distanti tra loro e si stabilisce l'ordine ovvero qual è il primo angolo, il secondo e così via... I partecipanti devono camminare nello spazio e ad un certo punto il conduttore griderà una sequenza di 4 numeri che corrispondono al numero di posti liberi presenti in ogni angolo nell'ordine stabilito precedentemente. Esempio: se la sequenza gridata fosse 6 - 3 - 8 - 5 nel primo angolo possono andare solo 6 prtecipanti, nel secondo 3, nel terzo 8 e nell'ultimo 5 per un massimo di 22 posti. All'inizio, per far comprendere bene il gioco, faccio in modo che per qualche turno la somma dei posti complessiva sia sempre superiore al numero di partecipanti in modo che tutti comprendano le regole del gioco e trovino alla fine sempre un posto. Successivamente faccio in modo che la somma sia sempre di due o tre unità inferiore al numero dei partecipanti; chi non troverà posto in tempo verrà eliminato fino ad avere un vincitore finale. Per quella che è una mia personale statistica è raro che un partecipante vinca due volte di fila e vincono più spesso le femmine. Nota bene:

  • In questo gioco NON VINCE chi corre di più o è più veloce. VINCE chi pensa più in fretta. Vedrete troppi partecipanti schizzare verso il primo angolo senza neanche sentire gli altri 3 numeri mentre qualcuno troverà posto CAMMINANDO.

  • I partecipanti devono resistere all'emozione che li vorrebbe far scattare immediatamente: devono RAGIONARE per valutare la loro posizione nello spazio e decidere quale angolo gli è più facile raggiungere dopo AVER ASCOLTATO tutti e quattro i numeri.

  • Se per età o indole faticano a capire questo meccanismo necessario (anche a litigare su chi è arrivato prima, eccetera...) si può introdurre il secondo movimento ovvero: alla chiamata dei numeri bisogna immobilizzarsi (pena esclusione) poi al successivo battito di mani si può correre

  • Per i più piccoli sostituisco l'ordine degli angoli (primo, secondo,....) con quattro colori (angolo rosso, giallo, ...). Chiamando la sequenza aggiungo al numero il colore (8 rosso, 4 giallo, ...)

  • Li incoraggio ad autoregolarsi in caso non si capisca chi è arrivato prima... nel dubbio tengo entrambi.


0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

OBIETTIVI: controllo del corpo e dell'emotività Età: dai 3 anni "Bang" è un esercizio che può essere proposto e trovare validità dai bambini piccoli di 3 anni fino agli adulti. E' necessario uno spazi

Il Gioco delle chiavi è un esercizio che ho sviluppato dopo aver ascoltato Pierre Byland durante un seminario che illustrava un allenamento che si usava fare nella scuola di Lecoq quando lui lì ins

Le palline da Ping Pong sono un materiale interessante sul quale è possibile sviluppare percorsi di sperimentazione fisica e teatrale molto vasti. Qui di seguito illustrerò un percorso completo di a