• Mirko Rizzi

Prove di dialogo

OBIETTIVI: contestualizzare un testo fisso liberamente o a partire da stimoli preordinati.

Età: da 11 anni in sù

Questo esercizio serve a far lavorare i gruppi su un testo predefinito, quindi senza doversi preoccupare di inventare le parole, che sono obbligate. E' importante considerare che:

Regole


  • Ogni membro del gruppo può recitare una sola battuta

  • Le battute obbligatoriamente vanno recitate in ordine

  • Se i gruppi sono formati da meno di 7 persone si tagliano le battute successive (mai meno di 5 però)

Nel primo assegnamento di tempo (5 minuti) il gruppo dovrà interpretare la scena liberamente.

Successivamente si analizzerà se siano riusciti o meno a determinare il contesto ovvero:

chi sono? dove sono? cosa è successo?

Dalle battute queste cose non si capiscono; saranno i gesti ed il modo di recitare la scena che potranno spiegarci ciò che il testo non dice.

Esiste quindi un lavoro di gruppo che serve a determinare la situazione generale e poi un lavoro su ogni singola battuta che serve a determinarne il senso in relazione al contesto.

Successivamente i gruppi saranno chiamati a reinterpretare il testo con queste variazioni obbligate sempre nel tentativo di ricostruirne un senso "nuovo".

Testo

1. Adesso qualcuno mi deve spiegare come questa cosa sia potuta accadere.

2. Io non c'entro, non c'ero, non ho visto niente

3. Figuriamoci! Adesso viene fuori che è colpa mia. Non è giusto.

4. Ma chi può essere stato? Qualcuno che conosciamo?

5. Per favore non facciamoci prendere dal panico. A tutto si può trovare una soluzione.

6. Siamo Finiti. Siamo rovinati. Questa cosa cambierà le nostre vite per sempre.

7. Mi sembra di capire che è successo qualcosa ma forse non ho capito bene.

Variazioni


  • Tutti piangono uno ride

  • Tutti ridono uno piange

  • Vietato rispondere alla battuta precedente

  • Gestuale senza parole

  • Nessuno sta parlando con nessuno dei presenti

  • Scambiando ordine delle battute

  • Ordine delle battute opposto

  • Rimescolamento delle battute spezzate:

  • 1. Forse non ho capito bene. Adesso qualcuno mi deve spiegare.2. Come è potuta accadere questa cosa. Io non c'entro. 3. Non c'ero, non ho visto niente. Figuriamoci! Adesso viene fuori che è colpa mia. 4. Non è giusto. Ma chi può essere stato? 5. Qualcuno che conosciamo? Per favore non facciamoci prendere dal panico 6. A tutto si può trovare una soluzione Siamo Finiti. Siamo rovinati. 7. Questa cosa cambierà le nostre vite per sempre. Mi sembra di capire che è successo qualcosa.

  • Si parla a coppie e un trio


0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

OBIETTIVI: controllo del corpo e dell'emotività Età: dai 3 anni "Bang" è un esercizio che può essere proposto e trovare validità dai bambini piccoli di 3 anni fino agli adulti. E' necessario uno spazi

Il Gioco delle chiavi è un esercizio che ho sviluppato dopo aver ascoltato Pierre Byland durante un seminario che illustrava un allenamento che si usava fare nella scuola di Lecoq quando lui lì ins

Le palline da Ping Pong sono un materiale interessante sul quale è possibile sviluppare percorsi di sperimentazione fisica e teatrale molto vasti. Qui di seguito illustrerò un percorso completo di a