• Mirko Rizzi

Ingresso ed Accoglienza

OBIETTIVI: sottolineare il valore della presenza scenica anche di chi non è dialogante

Età: da 6 anni in sù

Ho creato questo esercizio che si sviluppa in due momenti per far capire ai partecipanti quanto sia importante "essere" un personaggio riconoscibile da un lato e quanto sia importante che i compagni di scena riconoscano i personaggi che entrano in scena dopo di loro avvalorandone il ruolo.

Parte 1 - Ingresso

Semplicissimo ma sempre importante: entrare in scena facendosi riconoscere dal pubblico senza dire una parola ma comportandosi da personaggio. Di solito consiglio di non rivolgersi al pubblico ma, al contrario, di ignorarlo. Questo perchè il mio obiettivo è quello di aumentare la concentrazione dei partecipanti sulla loro azione e sull'ascolto del loro personaggio.

Naturalmente, proporzionato all'età dei partecipanti, va sottolineato e sostenuto il concetto di credibilità che è successivo e più complicato del concetto di comprensione.

Parte 2 - Accoglienza

In questo caso l'attività è svolta da tutto il gruppo tranne che da un partecipante che a turno esce.

L'idea è quella di accogliere il compagno che rientrerà in un modo tale (cercando sempre la credibilità) che questi dovrà capire in chi è stato trasformato.

Si dimostra così come il gruppo abbia la capacità di trasformare un compagno in un personaggio a sua insaputa.

Valutando, dopo la sorpresa che può essere potente, la reazione dei compagni al proprio ingresso ogniuno dovrà capire chi è diventato.

Esempi: entra una star del cinema, una modella (accolta da fotografi seri e professionali), uno sportivo, una sposa, una strega, un mostro, una maestra cattivissima (nessuno osa far nulla), un neonato, una bara, uno odiato da tutti, un gigante, un comico, un ridicolo (cambia il modo di ridere e il motivo), uno rimpicciolito, il Papa, una rockstar durante il concerto, uno per cui provare pena, uno che passa inosservato, uno invidiato, uno bellissimo, uno bruttissimo, uno strano, uno noioso, eccetera...

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

OBIETTIVI: controllo del corpo e dell'emotività Età: dai 3 anni "Bang" è un esercizio che può essere proposto e trovare validità dai bambini piccoli di 3 anni fino agli adulti. E' necessario uno spazi

Il Gioco delle chiavi è un esercizio che ho sviluppato dopo aver ascoltato Pierre Byland durante un seminario che illustrava un allenamento che si usava fare nella scuola di Lecoq quando lui lì ins

Le palline da Ping Pong sono un materiale interessante sul quale è possibile sviluppare percorsi di sperimentazione fisica e teatrale molto vasti. Qui di seguito illustrerò un percorso completo di a