• Mirko Rizzi

Gioco delle parole

OBIETTIVI: attenzione, concentrazione, uso dello spazio, relazione con i compagni. Il Gioco delle parole è quasi sempre il primo gioco che faccio fare in un laboratorio. E' un gioco molto semplice che si può fare anche nella Scuola dell'Infanzia (con la giusta modalità) e che mi permette di verificare velocemente l'ascolto, l'attenzione e di stabilire i termini del rapporto che mi piacerebbe creare con i partecipanti. Un rapporto basato sul gioco e sull'ascolto. Tengo subito a precisare che non sono un insegnante o un maestro; per dimostrarglielo anticipo loro che cercherò di farli sbagliare in ogni modo e starà a loro non farsi "fregare". Chiarisco inoltre che non devo stabilire chi è "il più bravo" nè eliminerò chi sbaglia. Li considero una squadra e come tale devono comportarsi. L'unico modo di battermi al gioco è stare attenti. Età: da 3 anni in sù Regole I partecipanti dovranno muoversi camminando in uno spazio libero in silenzio e cercando di occupare lo spazio disponibile camminando soli e il più possibile lontani dagli altri. Una sequenza di parole dette dal conduttore sarà associata a dei comandi che andranno svolti con precisione singolarmente, in coppia o tutti insieme. Le parole verranno aggiunte solo quando i partecipanti riusciranno ad eseguire e a ricordare gli ordini in un tempo ragionevole. Normalmente un buon risultato è che il gruppo riesca a ricordare senza sbagliare un numero di parole uguale all'età media dei partecipanti. Parole e comandi I partecipanti possono camminare SOLO quando il conduttore batte le mani. Usare appositamente altri comandi di avvio serve a farli sbagliare.

  1. Cioccolato: sedersi immediatamente per terra.

  2. Patatine: dare la mano al primo compagno che incontro chiunque esso sia.

  3. Mozzarella: sedersi immediatamente per terra appoggiando vicendevolmente la schiena al compagno più vicino formando delle coppie.

  4. Bombolone: abbracciare velocemente il primo compagno che passa e poi riprendere a camminare

  5. Quattro zampe: spostarsi a quattro zampe (lo spazio si riduce notevolmente)

  6. Buio: svenire platealmente cadendo a terra. Ogni partecipante deve stare attento a toccare esclusivamente il pavimento.

  7. Mucca: fermarsi a gambe unite e braccia lungo il corpo. Sollevarsi sulle punte e ricolti al soffitto imitare il verso si una mucca

  8. Via: spostarsi nello spazio nel punto più lontano dal conduttore

  9. Mostro: spaventare senza toccare un compagno vicino

  10. Mondo: abbracciarsi tutti in un gruppo unico senza cadere


0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

OBIETTIVI: controllo del corpo e dell'emotività Età: dai 3 anni "Bang" è un esercizio che può essere proposto e trovare validità dai bambini piccoli di 3 anni fino agli adulti. E' necessario uno spazi

Il Gioco delle chiavi è un esercizio che ho sviluppato dopo aver ascoltato Pierre Byland durante un seminario che illustrava un allenamento che si usava fare nella scuola di Lecoq quando lui lì ins

Le palline da Ping Pong sono un materiale interessante sul quale è possibile sviluppare percorsi di sperimentazione fisica e teatrale molto vasti. Qui di seguito illustrerò un percorso completo di a