• Mirko Rizzi

Gioco del Treno

Aggiornamento: 7 ott 2021

OBIETTIVI: attenzione, concentrazione, uso dello spazio, responsabilità Età: da 8 anni in sù Questo gioco lavora contemporaneamente sull'attenzione ma anche sulle dinamiche di gruppo. Volendo semplificare in tutti i gruppi esistono tre tipi di approccio al lavoro. Il primo è di quelli che preferiscono prendere le decisioni per tutti o "comandare"; il secondo gruppo di quelli che non amano essere leader e preferiscono far decidere agli altri ed infine esistono quelli che definisco "gli osservatori" cioè quelli che preferiscono guardare quello che succede e decidere successivamente se partecipare o meno. Con lo scambio di responsabilità previsto dal gioco tutti i giocatori sperimenteranno nei confronti del proprio gruppo tutti e tre questi ruoli. RegoleDividere i partecipanti in piccoli gruppi formati da un minimo di 4 ad un massimo di 8 partecipanti. Chiedere loro di disporsi in file da uno e sparpagliarsi nello spazio. I "treni" dovranno muoversi nello spazio rispettando delle regole che diverranno sempre più complesse aumentando i livelli. Si può passare al livello successivo solo quando i gruppi hanno assimilato e rispettano facilmente le regole del livello precedente. L'esercizio è strutturato in diversi livelli ma è ovvio che non c'è un obbligo di affrontarli tutti Bisogna arrivare e fermarsi dove il gruppo continua a sbagliare senza proseguire. Può essere usato come gioco di verifica anche di anno in anno per valutare se ci sono progressi o peggioramenti della concentrazione e dell'attenzione. Come possono muoversi i gruppi - In fila per uno sempre vicini senza toccare i compagni - Non si può suggerire ai compagni il comportamento corretto - Il gruppo deve muoversi a velocità rilassata e costante - Non si può tagliare la strada ad un altro gruppo nè girare in tondo Dopo aver verificato che i gruppi sono in grado di rispettare le regole di movimento di base si procederà per livelli di difficoltà successivamente indicati. LIVELLO 1 Mentre i gruppi si muovono nello spazio ogni volta che il conduttore dice ad alta voce AVANTI il primo della fila deve staccarsi dalla fila, farla sfilare e posizionarsi in ultima posizione. E' importante che le file nel cambio non rallentino nè accelerino. LIVELLO 2 Mentre i gruppi si muovono nello spazio ogni volta che il conduttore dice ad alta voce INDIETRO l'ultimo della fila deve staccarsi dalla fila, correre e posizionarsi in prima posizione. E' importante che i treni nel cambio non rallentino nè accelerino. LIVELLO 3 Mentre i gruppi si muovono nello spazio ogni volta che il conduttore dice ad alta voce DIETROFRONT i treni devono eseguire cercando di non allungare troppo i treni. LIVELLO 4 Mescolare i tre comandi precedenti. Qui normalmente iniziano le difficoltà. Sopratutto usando la sequenza avanti-dietrofront-indietro tenderanno a muoversi in due o a non muoversi mentre i partecipanti al centro delle file tenderanno a suggerire. Questo livello richiede una attenzione continua perchè bisogna riflettere sulla propria posizione attuale nel treno per reagire correttamente ai comandi. Tre comandi molto semplici se affrontati singolarmente diventano complessi se mescolati. LIVELLO 5 Mentre i gruppi si muovono nello spazio ogni volta che il conduttore dice ad alta voce LIBERI le file devono sciogliersi e i partecipanti devono occupare lo spazio continuando a camminare a velocità costante. Quando successivamente il conduttore dice a voce alta INSIEME i partecipanti devono riformare i treni nello stesso ordine sempre camminando a velocità costante, senza fretta e senza fermarsi ad aspettare qualcuno. LIVELLO 6 Mescolare livello 4 e livello 5 LIVELLO 7 Affiancare due treni e formare delle file da 2. Ripetere livello 4 poi livello 5 e infine livello 6. LIVELLO 8 Mentre i gruppi si muovono nello spazio ogni volta che il conduttore dice ad alta voce SCAMBIO bisogna scambiarsi di posto con il compagno accanto. LIVELLO 9 Mescolare livello 7 e livello 8.

4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

OBIETTIVI: controllo del corpo e dell'emotività Età: dai 3 anni "Bang" è un esercizio che può essere proposto e trovare validità dai bambini piccoli di 3 anni fino agli adulti. E' necessario uno spazi

Il Gioco delle chiavi è un esercizio che ho sviluppato dopo aver ascoltato Pierre Byland durante un seminario che illustrava un allenamento che si usava fare nella scuola di Lecoq quando lui lì ins

Le palline da Ping Pong sono un materiale interessante sul quale è possibile sviluppare percorsi di sperimentazione fisica e teatrale molto vasti. Qui di seguito illustrerò un percorso completo di a